Obesità, per gli over 40 bisogna cambiare criteri

16, maggio 2024 – Il valore di indice di massa corporea (Bmi) che definisce l’obesità, riconosciuto a livello internazionale, non sarebbe adeguato a stabilire la presenza della malattia negli adulti sopra i 40 anni, per i quali servirebbe stabilire un nuovo limite: 27 kg/m² sarebbe più appropriato rispetto all’attuale soglia Bmi prevista dall’Organizzazione mondiale della sanità, di 30 kg/m². La proposta arriva da uno studio presentato al Congresso europeo sull’obesità (Eco 2024) di Venezia, da ricercatori dell’Università di Roma Tor Vergata, dell’Università di Modena e Reggio Emilia e dell’Università Araba di Beirut in Libano.

L’identificazione dell’obesità in base alla quantità di grasso corporeo è un metodo considerato accurato, ma l’Oms – ricordano i ricercatori – ricorre a un Bmi di 30 kg/m² come indicatore universale di obesità in uomini e donne bianchi di tutte le età. Tuttavia questo valore potrebbe non essere appropriato con l’avanzare dell’età, tenendo conto dei cambiamenti che si verificano nella composizione corporea con l’invecchiamento, come un aumento del grasso corporeo (con la quantità massima osservata tra i 50 e i 60 anni) e una diminuzione della massa magra (muscoli, che diminuisce di quasi il 5% ogni decennio dopo i 30 anni).

Per testare la validità di questo indice di classificazione dell’obesità negli italiani di mezza età e negli anziani, i ricercatori hanno realizzato uno studio trasversale che ha coinvolto 4.800 adulti (61,5% donne; di età compresa tra 40 e 80 anni) afferenti alla Divisione di Nutrizione clinica del Dipartimento di Biomedicina e prevenzione dell’Università Tor Vergata, escludendo donne incinte, chi assumeva farmaci che influiscono sul peso o sulla composizione corporea, o chi presentava condizioni mediche di base associate alla perdita di peso o gravi disturbi psichiatrici.